UGANDA. Il massacro degli acholi

Nena News Agency – 10/11/2016

E’ cominciato nel 1999, quando, per combattere Joseph Kony, leader dell’LRA, il governo di Museveni rinchiuse gli acholi nei ‘campi protetti’, pena le violenze fisiche o il bombardamento dei loro villaggi

uganda

di Federica Iezzi

Roma, 10 novembre 2016, Nena News – Resta ancora molto controverso il processo per crimini di guerra e crimini contro l’umanità alla Corte Penale Internazionale, dei leader ribelli ugandesi dell’Esercito di Resistenza del Signore (LRA), per il massacro del popolo acholi. Per vent’anni la macchina militare ugandese ha occupato e distrutto i terreni del nord Uganda, abitati dall’etnia acholi, ed ha continuato ad essere finanziata, senza alcuna interruzione e in modo misconosciuto, dalla politica estera degli Stati Uniti.

Il massacro degli acholi in Uganda inizia nel 1999, quando, per combattere Joseph Kony, leader dell’LRA, il governo ugandese di Museveni, rinchiuse gli acholi nei ‘campi protetti’, pena le violenze fisiche o il bombardamento dei loro villaggi.

Le truppe del presidente ugandese Yoweri Museveni hanno guidato quasi due milioni di acholi in veri e propri campi di concentramento, promettendo protezione da Kony e dall’LRA.

Secondo i dati dell’Organizzazione Mondiale della Sanità, nel 2005, almeno 1.000 acholi morivano ogni settimana di violenze fisiche, fame e malattie debilitanti, all’interno dei campi che sono stati ufficialmente chiusi nel 2012 e gli acholi sopravvissuti tornarono alle loro terre devastate. La dittatura ugandese distrusse agricoltura, istruzione, relazioni di genere e vita familiare dell’intero popolo.

Secondo le stime in questo folle conflitto si sono contate oltre 500.000 vittime e 800.000 profughi nei distretti Gulu, Pader e Kitgum.

Tutti motivi sufficienti per il Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite, di accusare il presidente Yoweri Museveni, davanti alla Corte Penale Internazionale, per rispondere alle accuse di genocidio contro il popolo acholi.

Ad oggi, Museveni è un uomo libero. Da circa trent’anni presidente dell’Uganda. Da circa dieci, oltre i limiti temporali di presidenza. Secondo la costituzione ugandese il tempo massimo è fissato ai due mandati, per Museveni siamo al quinto mandato consecutivo.

Il prossimo gennaio, a L’Aja, Dominic Ongwen, uno dei principali leader ribelli ugandesi dell’LRA, sarà processato dalla Corte Penale Internazionale, per crimini di guerra e crimini contro l’umanità, inclusi attacchi contro la popolazione civile, omicidio e tentato omicidio, torture, trattamenti crudeli e atti disumani,riduzione in schiavitù, oltraggi alla dignità personale, saccheggio e distruzione di proprietà, persecuzioni.

Dall’ottobre 2005, la Corte Penale Internazionale ha emesso mandati di cattura per cinque membri dell’LRA, accusati di crimini contro l’umanità.

A fine gennaio, all’ultimo vertice dell’Unione Africana ad Addis Abeba, i leader africani, Museveni compreso, avevano sostenuto un’iniziativa per il ritiro comune dallo Statuto di Roma, ritenuto un’arma occidentale non equilibrata.

Come sfondo l’Uganda ricorda il regime di Idi Amin Dada degli anni ’70 che uccise circa 100.000 persone dalle tribù acholi e lango e il regime del secondo mandato di Milton Obote, nei primi anni ’80, che uccise 500.000 civili dell’etnia baganda.

Quello che continua ad accadere in Uganda è paragonabile alle difficoltà che si vivono quotidianamente in Sud Sudan, in Repubblica Democratica del Congo, in Burundi, dove la comunità internazionale non prevede alcuna progettazione di risoluzione degli scontri armati. Nena News

Nena News Agency “UGANDA. Il massacro degli acholi” di Federica Iezzi

 

Annunci
Standard

Aleppo, ospedali in ginocchio

Nena News Agency – 03/10/2016

I combattimenti tra forze governative e i jihadisti e i bombardamenti aerei hanno messo in ginocchio le strutture sanitarie nella zona est della città

un-1

di Federica Iezzi

Roma, 3 ottobre 2016, Nena News – Si è conclusa un’altra settimana di violenti combattimenti tra l’esercito regolare siriano, appoggiato dall’aviazione russa, e i qaedisti del gruppo Jabhat al-Nusra (oggi noto come Jabhat Fateh al-Sham), ad Aleppo. Divisa dal 2012 in una zona (ovest) controllata dalle forze governative e in una zona (est) controllata da una galassia di gruppi jihadisti e ribelli, la città, soprattutto da luglio, continua a seppellire morti.

I combattimenti paralizzano l’attività medica ad Aleppo, in particolare nella zona est dove vivono oltre 200mila civili. Cinque degli otto ospedali della città sono situati nei 64 quartieri in mano a jihadisti e ribelli. Sarebbero appena 30 i medici rimasti al lavoro nella zone Est e posso offrire solo terapie di base, spesso tra le macerie delle strutture bombardate. Dalla metà di luglio, secondo fonti dell’opposizione siriana, tutti gli ospedali ancora funzionanti ad Aleppo est sarebbero stati danneggiati almeno una volta dai bombardamenti, insieme a edifici residenziali, stazioni di distruzione dell’acqua e generatori elettrici.

I ribelli da parte loro lanciano ormai quotidianamente razzi e ordigni esplosivi sulla parte ovest di Aleppo causando vittime civili che il più delle volte non sono riportate dai media internazionali.

L’ultimo ospedale colpito è l’M10 (nome in codice utilizzato per gli ospedali, nel tentativo di mantenere segrete le loro posizioni). Colpito da pesanti bombardamenti e da proiettili di artiglieria anche durante la scorsa settimana, l’M10 , supportato dalla Syrian American Medical Society, era già alla metà del suo potenziale operativo. Danneggiati gravemente l’unità di terapia intensiva, i generatori di corrente, l’edificio per lo stoccaggio del combustibile e i serbatoi d’acqua. Ancora funzionanti erano il pronto soccorso, per il triage di base, e una sguarnita sala operatoria, per i casi di emergenza. Ora sono stati evacuati in una clinica adiacente i 60 pazienti rimasti al suo interno.

Dal cessate il fuoco concordato a Ginevra, con l’impegno diretto di Washington e Mosca, e crollato lo scorso 19 settembre, almeno 320 persone, tra cui circa 100 bambini, sono stati uccisi ad Aleppo, secondo i dati resi noti dall’UNICEF.

Altri bombardamenti, pare questa volta della Coalizione Internazionale, non hanno risparmiato l’M2 Hospital e il piccolo ospedale da campo nel quartiere di Sakhur, entrambi situati su linee di alimentazione divenute ormai obiettivi militari, nelle aree controllate da jihadisti e ribelli. Sono state colpite anche strutture sanitarie nel quartiere di al-Shaar, situato nel centro di Aleppo a due chilometri a nord-est della Cittadella storica della città, tra cui un ospedale ginecologico, l’al-Hakim pediatric hospital e una banca del sangue.

Secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità al momento un solo ospedale ad Aleppo est offre ancora servizi ostetrici, con due ginecologi e un carico di lavoro di 30-35 parti al giorno.

Ad al-Shaar, uno tra i quartieri più martoriati, l’ospedale chirurgico al-Bayan non ha più sale operatorie funzionanti e i medici visitano i pazienti in un’area esterna adiacente alle macerie dell’ospedale. Una volta stabilizzati i pazienti, il personale sanitario trasporta i feriti sotto il fuoco ininterrotto per chilometri, fino a raggiungere ospedali meglio funzionanti.

Secondo un rapporto del gruppo statunitense Physicians for Human Rights, tra il giugno 2012 e l’aprile 2016, le forze aeree governative e russe avrebbero condotto almeno 50 attacchi aerei contro strutture mediche all’interno della città di Aleppo. Damasco e Mosca da parte loro negano con forza di aver preso di mira intenzionalmente le strutture sanitarie. Nena News

Nena News Agency “Aleppo, ospedali in ginocchio” di Federica Iezzi

 

Standard

ANGOLA. Sempre più grave emergenza febbre gialla

Nena News Agency – 14/04/2016

L’Angola con le sue foreste pluviali, terreno fertile per il virus, è uno dei 34 Paesi in Africa, endemico per la febbre gialla. Il Paese è ancora fermo al livello due di emergenza, su una scala di tre gradi 

2015-02-04-Vaccine.jpg

di Federica Iezzi

Roma, 14 aprile 2016, Nena News –  Iniziata nella municipalità di Viana, nella città di Luanda, l’ultima epidemia di febbre gialla che ha aggredito l’Africa centrale. L’epidemia segnalata in Angola nel dicembre 2015, da allora si è diffusa in sei delle diciotto province del Paese ed è la più drammatica degli ultimi 30 anni.

L’Angola con le sue foreste pluviali, terreno fertile per il virus, è uno dei 34 Paesi in Africa, endemico per la febbre gialla. In base ai criteri dell’Emergency Response Framework, l’Angola è ferma ancora al livello due di emergenza, su una scala di tre gradi.

Dallo scorso marzo, 16 delle 18 province del Paese hanno riferito casi sospetti di febbre gialla. Trasmissione locale della malattia è stata documentata in due degli undici comuni della provincia di Huambo, a 600 chilometri dalla capitale Luanda.

Il virus della febbre gialla viene trasmesso dalle zanzare della specie aedes aegypti, presenti nelle zone tropicali di Africa e America latina. I sintomi includono febbre, mal di testa, dolori muscolari, nausea, vomito e stanchezza. La metà dei pazienti gravemente affetti che non ricevono trattamento muoiono entro un paio di settimane.

Il Ministero della Salute e i partner sanitari angolani, stanno tentando di contenere l’epidemia con l’arma della vaccinazione, distribuendo circa 65 esperti in epidemiologia nel Paese che sostengono la campagna di immunizzazione.

A partire dallo scorso marzo, con il supporto dell’Organizzazione Mondiale della Sanità sono state vaccinate 6,4 milioni di persone nella sola città di Luanda. E ad oggi, l’87% della popolazione a rischio è stata vaccinata.

Iniziate le attività di vaccinazione anche negli ultimi tre distretti di Luanda: Rangel, Icolo-Bengo e Kissama.

Un totale di 7.355 milioni di dosi di vaccini contro la febbre gialla è stato reso disponibile con il supporto del Gruppo di coordinamento internazionale sul fondo per il vaccino febbre gialla.

Nonostante gli sforzi, le forniture di vaccini rimangono ancora scarse, con le scorte di emergenza quasi completamente esaurite. Sarebbero necessari ulteriori 1,5 milioni di dosi per vaccinare la popolazione a rischio nella provincia di Luanda. E dallo scorso gennaio, continuano ad aumentare i casi di febbre gialla in Angola, per un totale di almeno 1.562 casi sospetti, più di 490 casi confermati e 198 decessi.

Luanda, l’epicentro dell’epidemia, resta la provincia maggiormente colpita con 818 casi, di cui 281 confermati, e 129 decessi.

Casi di febbre gialla sono stati già esportati in Cina, Repubblica Democratica del Congo e Kenya. Namibia e Zambia sono in allerta per i casi importati.

L’epidemia sembra si stia muovendo verso la vicina Repubblica Democratica del Congo, dove già sono stati documentati 21 decessi legati alla febbre gialla.

Necessario, dunque, diventa espandere la copertura vaccinale in tutte le province interessate e migliorare la sorveglianza epidemiologica e il controllo vettoriale.

Il riacutizzarsi della febbre gialla è direttamente correlato ad una diminuzione del finanziamento alla salute pubblica. Il bilancio per le politiche sanitarie rivisto dal governo angolano di José Eduardo dos Santos, quest’anno è inferiore di circa il 33% rispetto ai fondi stanziati nel 2015, rendendo difficoltoso soprattutto l’acquisto di vaccini. Tagli anche alle spese per igiene pubblica e bonifica di ambienti da zanzare e parassiti.

L’OMS al momento non raccomanda alcuna restrizione di viaggi in Angola. La vaccinazione e le misure per evitare le punture di zanzara sono sufficienti per la prevenzione della malattia. Nena News

Nena News Agency “ANGOLA. Sempre più grave emergenza febbre gialla” di Federica Iezzi

Standard

Sierra Leone libera dall’Ebola. Ma il paese non è ancora fuori pericolo

Nena News Agency – 09 novembre 2015

L’Organizzazione Mondiale della Sanità ha dichiarato l’assenza di nuovi casi negli ultimi 42 giorni, ma nella vicina Guinea Conakry il virus c’è ancora. L’infezione ha ucciso 3.955 persone in tutto il Paese nel corso degli ultimi 18 mesi, lasciando 12 mila orfani

5760 sierra who

di Federica Iezzi

Freetown (Sierra Leone), 9 novembre 2015, Nena News – E’ finalmente arrivata, in Sierra Leone, la dichiarazione ufficiale da parte dell’Organizzazione Mondiale della Sanità sull’assenza di trasmissione del virus ebola per 42 giorni consecutivi.

L’infezione ha ucciso 3.955 persone in tutto il Paese nel corso degli ultimi 18 mesi, lasciando 12 mila orfani. La vicina Liberia è stata dichiarata libera dall’ebola lo scorso settembre, dopo 4.808 casi mortali. La Nigeria ha appena attraversato il traguardo di 61 giorni senza contagi dal virus.

In Guinea Conakry l’ebola c’è ancora. Un nuovo caso confermato nella prima settimana di novembre, nel distretto di Forecariah. Si tratterebbe di un neonato contagiato da madre malata. I decessi legati al filovirus in Guinea Conakry hanno raggiunto quota 2.536. Ancora 382 casi sono sotto stretta sorveglianza medica. Intanto continua in tutti i casi sospetti l’immediata vaccinazione con il rVSV-ZEBOV Ebola vaccine.

I numeri parlano di 28.607 casi documentati di contagio dal virus ebola, in Africa occidentale, e 11.314 morti.

Per ricordare le vittime del virus della febbre emorragica, un corteo di migliaia di persone ha sfilato lo scorso sabato sera, in tutte le strade del centro di Freetown, in Sierra Leone. Celebrazioni, lettura dei nomi delle vittime, riconoscimenti per i 35.000 membri del personale sanitario, che hanno combattuto senza sosta a fianco dello staff internazionale, si sono susseguiti all’ombra dell’albero di cotone di 600 anni, simbolo della città.

Ernest Bai Koroma, presidente della Sierra Leone, ha ricordato ai cittadini che è appena iniziato il periodo di sorveglianza di 90 giorni, seconda tappa fondamentale per dichiarare il Paese fuori pericolo. 1.437 persone sono state sottoposte a test di laboratorio nell’ultima settimana.

Il National Ebola Response Centre continuerà a operare fino alla fine dell’anno. E tutti i casi di morte sospetta dovranno seguire le procedure di sepoltura delle linee-guida tecniche, messe a punto dall’OMS.

Funzionari e operatori sanitari segnalano ancora come incogniti gli effetti collaterali a lungo termine nei pazienti guariti dalla malattia: meningite ebola-correlata, sopravvivenza del virus in particolari siti del corpo umano, meccanismi della trasmissione sessuale.

Partita da Gueckedou in Guinea Conakry, l’ebola si diffuse in Sierra Leone dal maggio 2014. Da allora almeno 14 mila casi documentati.

Coprifuoco, chiusura delle scuole e degli uffici pubblici, annullamento delle partite di calcio o delle proiezioni di film nei cinema, formazione specialistica di 1.970 medici e infermieri, implementazione dei servizi igienico-sanitari, istituzione di 160 unità di cura dell’ebola: questi alcuni del provvedimenti presi dal governo di Koroma, per cercare di arginare l’incalzante contaminazione.

Dai dati di Save the Children 1,8 milioni di bambini nell’ex colonia britannica hanno perso nove mesi di scuola.

La scura e straziante crisi sanitaria ha anche azzerato lo sviluppo economico in Sierra Leone, già devastata da 11 anni di guerra civile terminata nel 2002. Nena News

Nena News Agency “Sierra Leone libera dall’ebola. Ma il paese non è ancora fuori pericolo” – di Federica iezzi

Standard

YEMEN. Sanità al collasso per bombardamenti sauditi

Nena News Agency – 05 novembre 2015

Devastate da mesi di raid aerei almeno 90 strutture sanitarie nel Paese tra ospedali, poliambulatori, farmacie, centri trasfusionali e laboratori. Il 23% degli ospedali del Paese non è più funzionante

Photo UN yemen

di Federica Iezzi

Roma, 5 novembre 2015, Nena News – E’ stato solo l’ultimo in ordine di tempo. Bombardamenti della coalizione contro i ribelli houthi, guidati dall’Arabia Saudita, hanno colpito un ospedale di Medici Senza Frontiere, nel distretto di Heedan, nel governatorato di Sa’da, nel nord dello Yemen. Negato così l’accesso alle cure mediche a 200.000 civili.

Devastate da mesi di raid aerei e combattimenti almeno 90 strutture sanitarie nel Paese tra ospedali, poliambulatori, farmacie, centri trasfusionali e laboratori. Il 23% degli ospedali del Paese non è più funzionante.

I dati dell’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i diritti umani parlano di 5.564 morti, tra cui 410 bambini, e 26.568 feriti. 2,3 milioni gli sfollati interni.

La situazione sanitaria in Yemen è catastrofica. 400 membri del personale sanitario hanno lasciato lavoro e Paese dall’inizio del conflitto. Gli ospedali hanno cercato di compensare le mancanze aumentando i turni dei medici fino a 24 ore. 15,2 milioni di civili non hanno libero accesso all’assistenza medica di base. Registrata una diminuzione del 15% nella copertura di immunizzazione pediatrica; colpiti dai mortai anche centri di vaccinazione. Riportati 8004 sospetti di febbre dengue in sei governatorati. 144 persone sono già morte. Solo 2447 bambini sotto i 5 anni, donne incinte e giovani madri hanno beneficiato di supporti nutrizionali. Più di mezzo milione di bambini soffre di malnutrizione. Documentato un aumento del 150% di ricoveri ospedalieri per malnutrizione dallo scorso mese di marzo.

All’inizio di ottobre, distribuite dall’Organizzazione Mondiale della Sanità 15,7 tonnellate di farmaci essenziali e forniture mediche alle 40.000 persone, nelle aree di al-Moka, al-Hodeida e Taiz. Per garantire una continua fornitura di acqua potabile nell’ospedale di al-Jumuri, nel governatorato di Hajja, usati impianti con 2.800 metri di tubi di collegamento. La carenza di acqua è strettamente connessa alle interruzioni di elettricità e alla insufficienza di combustibile per i generatori.

Forti difficoltà di approvvigionamento nei maggiori ospedali yemeniti sono causati dai continui combattimenti tra ribelli houthi e forze fedeli al presidente Abd-Rabbu Mansour Hadi. Il Ministero della Salute yemenita gestisce con estrema difficoltà l’importazione di merci.

L’al-Sabeen hospital, il principale ospedale della capitale Sana’a, con più di tre milioni di utenze, continua a lavorare con un ritmo minimo di attività, a causa dell’accesso limitato ai farmaci di base e alle attrezzature. Blocco del 90% dell’approvvigionamento di forniture mediche dal porto di al-Hodeida, imposto dai combattenti pro-Hadi. Mancano i comuni farmaci per il trattamento dell’ipertensione, del diabete e delle malattie psichiatriche.

A Sana’a, il Comitato Internazionale della Croce Rossa ha invece iniziato la distribuzione di beni essenziali all’al-Thawra hospital, dopo settimane in cui i posti di blocco houthi avevano negato l’ingresso di aiuti umanitari. Completamente fermi pronto soccorso, radiologia, reparto di maternità e servizio dialisi. Giace in frantumi il Republic hospital, nel quartiere di Dar Saad di Aden, gravemente danneggiato dai bombardamenti. Secondo quanto dichiarato dall’associazione non-profit Save the Children, gli ospedali a Taiz sono sotto assedio dai ribelli houthi.

Chiusi, nella Taiz assediata dai combattenti houthi, lo Yemen international hospital, il military hospital e l’al-Safwa hospital per totale assenza di materiale sanitario. L’al-Rawdah hospital attualmente accetta solo casi di emergenza. Più di 1400 persone sono state trattate nell’ospedale nel solo mese di agosto. Per una popolazione di circa 600.000 persone, a Taiz erano attivi 20 ospedali, prima dell’inizio dei combattimenti. Solo sei di questi, oggi continuano la loro attività. Nena News

Nena News Agency “YEMEN. Sanità al collasso per bombardamenti sauditi” di Federica Iezzi

Standard

NIGERIA. Liberarsi della poliomielite

Nena News Agency – 02 novembre 2015

Solo nel 2012, nel paese africano si erano contati più della metà di tutti i casi documentati nell’intero globo. L’ultimo risale al 24 luglio dello scorso anno, confermata l’assenza di nuovi casi nei 12 mesi successivi. Adesso inizia il periodo di sorveglianza di almeno due anni, prima che l’Africa sia dichiarata libera dalla malattia

WHO polio-nigeria630

di Federica Iezzi

Abuja (Nigeria), 2 novembre 2015, Nena News – L’annuncio ufficiale arriva dall’Organizzazione Mondiale della Sanità: la poliomielite non è più endemica in Nigeria, ultimo paese dell’Africa in cui continuava una regolare trasmissione del virus.  Secondo la Global Polio Eradication Initiative, il partenariato pubblico-privato che guida la lotta per eradicare la malattia, l’ultimo caso di poliomielite in Nigeria risale al 24 luglio dello scorso anno. Tutti i dati di laboratorio hanno confermato l’assenza di nuovi casi nei 12 mesi successivi.

Adesso inizia il periodo di sorveglianza di almeno due anni, prima che l’Africa sia dichiarata libera dalla poliomielite, visto che si possono contare fino a 200 casi asintomatici di malattia, e quindi non si ha certezza del numero di serbatoi umani di virus attualmente presenti nel continente. L’ultimo caso è stato registrato in Somalia l’11 agosto 2014. Si aspetta dunque, in questa fase latente, la conferma da parte dell’OMS che gli ultimi campioni prelevati da persone in aree precedentemente colpite siano esenti da virus.

Solo nel 2012, in Nigeria si erano contati più della metà di tutti i casi di poliomielite documentati nell’intero globo. Portata avanti dal governo di Muhammadu Buhari un’enorme campagna di vaccinazione, che ha immunizzato contro il poliovirus 45 milioni di bambini sotto l’età di cinque anni.

I centri di vaccinazione hanno lavorato ininterrottamente per anni contro diffidenza, violenza e attacchi da parte dei militanti di Boko Haram. Secondo i dati dell’UNICEF, almeno mezzo milione di bambini negli ultimi cinque mesi è fuggito a causa di attacchi da parte di Boko Haram, mancando agli appuntamenti nei centri medici di vaccinazione. Per evitare recrudescenze della malattia gli operatori sanitari hanno concentrato l’attenzione anche sulle famiglie di rifugiati in fuga dalla Nigeria e dai Paesi limitrofi, come Cameroon e Ciad. Guerre e disordini civili rimangono il più grande ostacolo alla vaccinoterapia.

Per quasi un anno, nel 2003, alcuni stati della Nigeria del nord avevano boicottato il vaccino antipolio orale, credendo che fosse la causa della sterilizzazione femminile. Nel 2013 nove operatori sanitari impegnati nelle campagne di immunizzazione sono stati uccisi e tre rapiti nell’area di Kano, nella Nigeria settentrionale.

Grazie all’istituzione di centri operativi di emergenza per coordinare campagne di vaccinazione e raggiungere i bambini anche in zone inaccessibili, oggi il numero di famiglie che rifiuta la vaccinazione per i propri figli è diminuito drasticamente. Anche lo stesso nord-est nigeriano ora è arrivato ad un tasso di immunizzazione contro la polio che sfiora l’85%.  La vaccinazione ha ridotto il numero di casi del 99% a partire dal 1988, dopo che la poliomielite aveva paralizzato, in 125 Paesi, almeno 350.000 bambini ogni anno.

Frenata quasi ovunque, con un vaccino che costa solo pochi centesimi, la poliomielite rimane oggi endemica in soli due Paesi, Pakistan e Afghanistan. Nel 2015 sono stati segnalati 41 nuovi casi di poliomielite: 32 in Pakistan e 9 in Afghanistan. 200 i casi nel 2014.  Esperti di salute globali puntano a eradicare la poliomielite in tutto il mondo entro il 2018. Questo significherebbe eliminare la seconda malattia nella storia dopo il vaiolo. Nena News

Nena News Agency “NIGERIA. Liberarsi dalla poliomielite” – di Federica Iezzi

Standard

AFRICA. Ebola, abbiamo già dimenticato

Nena News Agency – 10 settembre 2015

Il virus rallenta la sua diffusione e cala la mortalità ma la malattia è ancora presente in molti Paesi e richiede l’attenzione e l’aiuto della comunità internazionale a Stati che restano poveri di risorse e strutture 

ebola john moore

di Federica Iezzi

Roma, 10 settembre 2015, Nena News Passati più di 40 giorni dall’ultimo caso conosciuto e l’Organizzazione Mondiale della Sanità dichiara per la seconda volta la Liberia ‘Ebola free’. Iniziano ora i 90 giorni di stretta sorveglianza. La trasmissione dell’infezione sembrava essersi arrestata, in Liberia, durante lo scorso maggio ma la malattia riemerse alla fine del mese di giugno, con sei nuovi casi e 143 nuovi contagi.

Dal dicembre 2013 in Liberia a causa del virus ebola sono morte 4.808 persone. I contagi sono stati 10.672.

Tutto parte da Guéckédou, una zona boschiva della Guinea Conakry, vicino al confine con Liberia e Sierra Leone. Dal primo caso riportato di ebola, nel dicembre 2013, l’Africa occidentale è stata devastata dall’infezione, con 28.073 casi confermati in Guinea, Liberia e Sierra Leone, e con 11.290 decessi. Documentati casi anche in Italia, Mali, Nigeria, Senegal, Spagna, Inghilterra e Stati Uniti.

Dopo quasi due anni, statisticamente, la velocità di trasmissione del virus in Guinea e Sierra Leone è arrivata al punto più basso. Nel mese di agosto ci sono stati dieci casi confermati in Guinea e quattro casi confermati in Sierra Leone, a fronte rispettivamente di 526 e 1.997 casi, durante il picco di trasmissione della malattia, nel novembre 2014.

Strategie di sanità pubblica sono tuttora in corso per rafforzare la sorveglianza contro l’infezione da ebola, per migliorare le capacità e le attività dei laboratori medici, per intensificare la formazione epidemiologica.

Secondo l’ultimo rapporto dell’OMS ci sono stati due casi confermati, segnalati la scorsa settimana in Guinea, nell’area di Ratoma della città di Conakry, un nuovo caso in Sierra Leone, il primo dopo due settimane. 410 pazienti rimangono ancora in follow-up nelle regioni occidentali di Conakry, Dubreka e Forecariah, in Guinea. Solo 48 in Sierra Leone, nel distretto di Kambia. Nessun paziente in follow-up in Liberia, tutti sono stati seguiti per 21 giorni dopo la guarigione.

Già in quarantena la piccola località di Sella Kafta, nel distretto di Kambia, nel nordovest della Sierra Leone, dove pare risiedesse la donna, che dopo aver contratto l’ebola, è deceduta la scorsa settimana. E proprio nella provincia di Sella Kafta, le prime 150 persone hanno ricevuto il vaccino sperimentale contro l’ebola VSV-EBOV, frutto della ricerca canadese. Testato già su circa 4.000 persone in Guinea, i risultati sembrano molto incoraggianti e definiscono la terapia ‘efficace al cento per cento’. In Guinea, dei circa 2.000 soggetti venuti a contatto con ebola, nessuno ha sviluppato il virus, dopo una vaccinazione immediata. Tra le 2.380 persone che invece hanno ricevuto il vaccino tardivamente, ci sono stati 16 contagi.

Mentre continua la discussione sul Favipiravir, farmaco antivirale messo a punto da ricercatori giapponesi, usato nella profilassi post-esposizione al virus. Nei test clinici, nei pazienti con bassa carica virale ematica, può fare la differenza, abbassando il tasso di mortalità dal 30 al 15%. Trial clinici sono ancora in corso a Guéckédou, Nzérékoré e Macenta in Guinea.

Costa d’Avorio, Guinea-Bissau, Mali e Senegal, che dividono i loro confini con uno dei tre Paesi maggiormente colpiti, sono nella lista dei Paesi africani ad altà priorità di supporto, stilata dall’Organizzazione Mondiale della Sanità. L’obiettivo è la copertura del livello minimo di scorte sanitarie per fronteggiare un eventuale spirale di contagi. Nena News

Nena News Agency “AFRICA. Ebola, abbiamo già dimenticato” di Federica Iezzi

Standard