NIGER. L’emergenza dimenticata dei profughi maliani

Nena News Agency – 19 novembre 2015

Il piccolo stato dell’Africa occidentale si ritrova obbligato a fronteggiare un costante afflusso di rifugiati, uniti anche ai 150.000 civili che dal 2013 fuggono dalla Nigeria, dalla violenza dei jihadisti di Boko Haram, e trovano pace nelle aree di Diffa e Assaga

UNHCR53b3fce96

di Federica Iezzi

Bamako (Mali) – Secondo l’ultimo report dell’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati, il numero dei rifugiati maliani in Niger ha raggiunto oggi il suo livello più alto, dall’inizio del conflitto interno iniziato nel 2012 e durato tre anni. Nonostante il recente accordo di pace, mediato dall’Algeria, tra il governo maliano di Ibrahim Boubacar Keita, i ribelli tuareg e i separatisti e militanti legati a al-Qaeda, nelle ultime settimane il flusso di profughi è aumentato dal Mali orientale, al vicino Niger.

Il picco di rifugiati si raggiunse quando nel 2013 le truppe maliane, spalleggiate da quelle francesi, sconfissero le forze ribelli. 50.000 civili attraversarono il confine tra Mali e Niger, per stabilirsi nei campi profughi della regione di Diffa, nel Niger del sud. Dopo le elezioni presidenziali del 2013, l’UNHCR ha facilitato il rimpatrio in Mali di circa 7.000 rifugiati.

Solo nel 2015, 47.449 rifugiati maliani sono stati ridistribuiti nelle città di Ayorou e Niamey e nei campi profughi delle regioni di Tillabéri e Tahoua, nel sud-ovest del Niger.

Il piccolo stato dell’Africa occidentale si ritrova dunque obbligato a fronteggiare un insolito afflusso di rifugiati, uniti anche ai 150.000 civili che dal 2013 fuggono dalla Nigeria, dalla violenza dei jihadisti di Boko Haram, e trovano pace nelle aree di Diffa e Assaga. Viene oggi sostenuto appena il 26% del fabbisogno dei rifugiati maliani in Niger. La drastica riduzione di razioni alimentari mensili da parte del World Food Programme, contribuisce a far crescere l’ombra della malnutrizione. Un esempio sono le razioni di riso diminuite da 12 a 5,4 kg a persona, nello scorso mese di giugno. Ma grazie al costante e duro lavoro delle organizzazioni non governative, la percentuale di malnutrizione nei bambini maliani, residenti nei campi profughi, si è abbassata dal 20% al 9% nel 2015.

Secondo i dati dell’UNICEF 368.114 bambini dai 6 mesi ai 5 anni sono stati trattati per forma acuta di malnutrizione, 968.919 bambini di età compresa tra 9 mesi e 14 anni sono stati vaccinati contro il morbillo e 32.992 bambini e adolescenti hanno avuto accesso all’istruzione di base.

Tra gli scorsi mesi di ottobre e novembre, secondo i dati dell’UNHCR, almeno 4.000 rifugiati hanno attraversato il confine maliano, in fuga dall’illegalità, dal vuoto di potere di un governo corrotto, dai continui scontri tribali tra Idourfane e Daoussak e dall’opprimente presenza militare. 3.000 sono ancora in attesa di registrazione.

La maggior parte dei rifugiati proviene dalle aree rurali delle regioni orientali di Ménaka, Anderaboukane e Ansongo, dove scuole e infrastrutture pubbliche sono state danneggiate da anni di combattimenti.

Negati accesso a acqua potabile, riparo, istruzione e sanità. Vita forzata nei campi di fortuna su teli di plastica appoggiati a cespugli spinosi, per ripararsi dal bagliore implacabile del sole. Dietro solo poveri averi, spesso non più di un paio di coperte e alcune pentole e contenitori di plastica. Nena News

Dall’inizio del 2012, si stima che almeno 100.000 maliani hanno lasciato le proprie case, per trovare rifugio in Niger e nei campi profughi di Mbera, Bassiknou e Fassala, in Mauritania. Altri 34.000 sono stati accolti nei campi di Saag-Nionigo e Mentao, in Burkina Faso e 62.000 rimangono tutt’ora sfollati all’interno del Mali. Nena News

Nena News Agency “NIGER. L’emergenza dimenticata dei profughi maliani” – di Federica Iezzi

 

Annunci
Standard

AFRICA. Torna l’incubo Ebola

Nena News Agency – 12 aprile 2014

Le ultime due vittime del virus registrate in Guinea Conakry. Secondo l’Organizzazione mondiale della sanità, l’epidemia ormai conta 101 vittime nella sola Africa Occidentale

 

 

di Federica Iezzi

 

10500294_10152105933552385_5976099875988582454_n

 

Conakry, 12 aprile 2014, Nena News – Crocevia della tratta degli schiavi in Africa Occidentale in passato, oggi in Guinea Conakry si contano le ultime due vittime del virus Ebola. L’attenzione mediatica si è appoggiata sull’ignoto Stato africano, da un lato affacciato sul grande deserto e dall’altro sull’oceano, dalla metà di marzo. Una delle più violente epidemie di Ebola degli ultimi anni ha minacciato la popolazione guineana e i confinanti territori. Dai recenti ragguagli dell’Organizzazione Mondiale della Sanità, più di un centinaio sarebbero i morti fino ad oggi nella sola Guinea, i casi compatibili con l’infezione sono invece 158. Casi accertati anche in Liberia, altre decine di contagi che tendono ad aumentare. Casi denunciati e sospetti in Ghana, Sierra Leone, Senegal e Mali.

L’epidemia sembra essere partita a Sud del fiume Niger. Si tratta del ceppo “Zaïre ebolavirus”, uno dei più devastanti. Le modalità di contagio sono facilitate visti i continui e massivi spostamenti tra zone rurali e grandi città.

Tra Conakry e la zona Sud-Est del Paese, la Croce Rossa Internazionale con l’aiuto di organizzazioni non governative, prima fra tutte Medici Senza Frontiere, continua la lunga campagna per contrastare la diffusione del virus Ebola in questo pezzo di Africa Occidentale. La popolazione dei villaggi del Sud del Paese rimane scarsamente informata. Nessun dato sull’esatta situazione ufficiale del Paese. Timori infondati, voci diffuse rapidamente ed equivoci pericolosi sono il rischioso scenario che potrebbe aleggiare sulle popolazioni della “Guinea delle foreste”.

La febbre emorragica causata dall’Ebola è considerata mortale anche fino al 90% dei casi, per alcuni ceppi. Non esiste nessuna cura, né un vaccino specifico. Reparti di isolamento e la mera cura dei sintomi, quali febbre violenta, mal di testa, dolori muscolari, vomito e diarrea, sono ad oggi tutte le armi che si hanno in mano contro questo virus. Per cui, determinante diventa rintracciare i malati e coloro che hanno avuto contatti con il virus. Secondo l’OMS, le fasi di contenimento dell’epidemia potrebbero proseguire ancora per 3-4 mesi.

Da qualche giorno sono stati allertati alcuni tra gli aeroporti europei, principali scali delle capitali africane e avviati meticolosi controlli sanitari sui viaggiatori provenienti dai Paesi dove l’epidemia è in atto. Nena News

 

Nena News Agency “AFRICA. Torna l’incubo Ebola” – di Federica Iezzi

 

Standard