ARABIA SAUDITA. La Mers fa paura ai pellegrini

Nena News Agency – 07 giugno 2014

 

Il governo di Riad ha ridotto il numero di fedeli ammessi a La Mecca per il pellegrinaggio dell’Hajj e alcuni Paesi hanno consigliato di rinviare il viaggio che ha inizio durante il Ramadan (28 giugno-27 luglio) 

 

Hajj_promo_944

 

di Federica Iezzi

La Mecca (Arabia Saudita), 7 giugno 2014, Nena News –  Il rito del pellegrinaggio a La Mecca da 14 secoli abbraccia i quattro angoli del mondo. Situata nella regione saudita dell’Hegiaz, La Mecca ogni anno accoglie due milioni di musulmani. Il numero di pellegrini, nella città santa dell’Islam prima di Medina e Gerusalemme, è stato ridotto quest’anno dal governo di Riad per la serpeggiante presenza del virus responsabile della Middle East Respiratory Syndrome (MERS). Il principale timore, soprattutto in Arabia Saudita, è che il tradizionale pellegrinaggio dell’Hajj possa scatenare una spirale di infezioni prima che si trovi una cura efficace.

La grande moschea di Masjid al-Haram, potrebbe dunque non vedere tra l’ottavo e il tredicesimo giorno del mese di Dhu l-hijjah, ad ottobre, la solita potente affluenza di fedeli, vestiti con due pezzi di tessuto bianco non cucito. Paesi come Tunisia, Egitto e Iran hanno consigliato ai fedeli di rinviare l’Umrah, il piccolo pellegrinaggio, e l’Hajj, il grande pellegrinaggio annuale, che ha inizio per molti musulmani nel corso del digiuno del mese di Ramadan, quest’anno dal 28 giugno al 27 luglio.

L’Organizzazione Mondiale della Sanità ha confermato, con dati di laboratorio, 636 casi di MERS e 193 morti legati alla polmonite infettiva che nel 2002 scoppiò in Cina, infettando 8.000 persone e uccidendone quasi 800. La maggior parte dei casi è legata alla penisola arabica, dove attualmente i decessi per MERS sono arrivati a 283. E i casi di contagio sono saliti a 689. Casi confermati in altri Paesi del Medio Oriente, quali Giordania, Kuwait, Oman, Qatar, Emirati Arabi, Yemen e Libano. Casi sporadici in paesi del nord Africa, in Malesia, nelle Filippine, negli Stati Uniti e in alcuni Paesi dell’Unione europea.

Due settimane fa si è tenuto un vertice di emergenza a Ginevra, dell’Organizzazione Mondiale della Sanità, sulla minaccia crescente a livello globale del virus MERS. È stata inviata a Gedda una squadra dell’OMS per studi sulle modalità di trasmissione del virus, in vista del grande pellegrinaggio religioso annuale a La Mecca.

Il cammino verso La Mecca, descritto nella Sura al-Hajj del Sacro Corano, rappresenta il quinto pilastro dell’Islam ed è un atto obbligatorio nella vita di ogni musulmano. Dallo scorso ottobre, inizio del calendario musulmano, il numero di pellegrini dell’Umrah in Arabia Saudita  ha già toccato i 4,8 milioni. Quest’anno, vicino alla sacralità della Ka’bah, i pellegrini si trovano a fronteggiare una serie di precauzioni dettate dalle autorità saudite per ridurre al minimo i contagi. Nena News

 

Nena News Agency “A. SAUDITA. La Mers fa paura ai pellegrini” di Federica Iezzi

 

 

Standard

Il mese sacro di Ramadan

Ramadan a Gerusalemme

Ramadan a Gerusalemme

 

Quest’anno il mese sacro di Ramadan ha inizio il 28 giugno e finirà il 27 luglio.
Il Ramadan è il nono mese del calendario musulmano. Ha una durata di 29 o 30 giorni a seconda del ciclo lunare. È un mese dedicato alla contemplazione e alla riflessione.
La legge islamica stabilisce che per dichiarare l’inizio del mese di Ramadan ci si basa semplicemente sull’osservazione del cielo ad occhio nudo.
La prima comparsa della luna crescente, detta hilal, segna l’inizio del mese. Il mese di Ramadan si completa quando sorge la luna nuova del mese successivo: il mese di Shawwal.
E’ il mese sacro del digiuno islamico durante il quale i credenti musulmani devono astenersi dal mangiare, dal bere e da rapporti sessuali, dall’alba fino al tramonto.
E’ considerato un mese di astinenza e di purificazione. I fedeli sono obbligati ad evitare fumo, alcool, cattive azioni, menzogne, calunnie e litigi.
Tutti gli adulti, uomini e donne, in buone condizioni di salute osservano il digiuno. Bambini, anziani, malati, viaggiatori, donne in stato di gravidanza, mamme che allattano i proprio piccoli e donne durante il ciclo mestruale o il puerperio sono autorizzati a rompere il digiuno.
Chi non dovesse rispettare le regole del Ramadan può rimediare attraverso atti di carità verso i bisognosi, come offerte di cibo o di denaro, o attraverso il prolungamento dell’astinenza fino a un periodo di 60 giorni.
Se si trasgredisce involontariamente, il Corano non prescrive nessuna punizione o rimedio, purché subito dopo l’interruzione si riprenda l’osservanza delle regole del Ramadan.

La prima regola è il digiuno che dura dalle prime luci dell’alba fino al tramonto. E’ preceduto da un pranzo leggero poco prima dell’aurora, il suhoor. E’ seguito, dopo il tramonto, dall’interruzione dell’astinenza, detta iftar.
Il digiuno ha l’obiettivo di insegnare ai musulmani la pazienza, l’umiltà e la spiritualità.
Il tramonto del sole pone fine al digiuno. L’astinenza viene interrotta mangiando datteri o bevendo acqua, come vuole la Sunnah del Profeta. L’iftar per tradizione viene preceduta da una breve preghiera.
Naturalmente durante il Ramadan le preghiere, rivolte verso la Mecca, si ripetono per cinque volte al giorno. Alla preghiera rituale della sera segue una particolare preghiera notturna, la tarawih con un lungo corteo di rak’at. In una delle ultime notti dispari del mese di Ramadan, la lailatu l-qadr (la notte del destino), le porte del cielo sono più dischiuse e le preghiere vengono più fortemente ascoltate.
Oltre al digiuno il mese di Ramadan comporta altri obblighi per tutti i fedeli musulmani, a partire dall’obbligo alla carità con i poveri e della preghiera, due dei cinque pilastri della religione islamica.
Quando il mese di Ramadan giunge al termine, si festeggia l’Id al-Fitr, la festa dell’interruzione. Dura tre giorni. Durante questa festa i fedeli musulmani, dopo un mese di digiuno, tornano in famiglia a mangiare in abbondanza. Ci si scambia regali. Ci si veste eleganti o con vestiti nuovi.

 

LiberArt “Il mese sacro di Ramadan” – di Federica Iezzi

 

Standard