AFRICA. Torna l’incubo Ebola

Nena News Agency – 12 aprile 2014

Le ultime due vittime del virus registrate in Guinea Conakry. Secondo l’Organizzazione mondiale della sanità, l’epidemia ormai conta 101 vittime nella sola Africa Occidentale

 

 

di Federica Iezzi

 

10500294_10152105933552385_5976099875988582454_n

 

Conakry, 12 aprile 2014, Nena News – Crocevia della tratta degli schiavi in Africa Occidentale in passato, oggi in Guinea Conakry si contano le ultime due vittime del virus Ebola. L’attenzione mediatica si è appoggiata sull’ignoto Stato africano, da un lato affacciato sul grande deserto e dall’altro sull’oceano, dalla metà di marzo. Una delle più violente epidemie di Ebola degli ultimi anni ha minacciato la popolazione guineana e i confinanti territori. Dai recenti ragguagli dell’Organizzazione Mondiale della Sanità, più di un centinaio sarebbero i morti fino ad oggi nella sola Guinea, i casi compatibili con l’infezione sono invece 158. Casi accertati anche in Liberia, altre decine di contagi che tendono ad aumentare. Casi denunciati e sospetti in Ghana, Sierra Leone, Senegal e Mali.

L’epidemia sembra essere partita a Sud del fiume Niger. Si tratta del ceppo “Zaïre ebolavirus”, uno dei più devastanti. Le modalità di contagio sono facilitate visti i continui e massivi spostamenti tra zone rurali e grandi città.

Tra Conakry e la zona Sud-Est del Paese, la Croce Rossa Internazionale con l’aiuto di organizzazioni non governative, prima fra tutte Medici Senza Frontiere, continua la lunga campagna per contrastare la diffusione del virus Ebola in questo pezzo di Africa Occidentale. La popolazione dei villaggi del Sud del Paese rimane scarsamente informata. Nessun dato sull’esatta situazione ufficiale del Paese. Timori infondati, voci diffuse rapidamente ed equivoci pericolosi sono il rischioso scenario che potrebbe aleggiare sulle popolazioni della “Guinea delle foreste”.

La febbre emorragica causata dall’Ebola è considerata mortale anche fino al 90% dei casi, per alcuni ceppi. Non esiste nessuna cura, né un vaccino specifico. Reparti di isolamento e la mera cura dei sintomi, quali febbre violenta, mal di testa, dolori muscolari, vomito e diarrea, sono ad oggi tutte le armi che si hanno in mano contro questo virus. Per cui, determinante diventa rintracciare i malati e coloro che hanno avuto contatti con il virus. Secondo l’OMS, le fasi di contenimento dell’epidemia potrebbero proseguire ancora per 3-4 mesi.

Da qualche giorno sono stati allertati alcuni tra gli aeroporti europei, principali scali delle capitali africane e avviati meticolosi controlli sanitari sui viaggiatori provenienti dai Paesi dove l’epidemia è in atto. Nena News

 

Nena News Agency “AFRICA. Torna l’incubo Ebola” – di Federica Iezzi

 

Annunci
Standard