FOTOREPORTAGE. Dentro l’Aleppo della tregua

Nena News Agency – 13/01/2017

Nena News entra nella zona est della città siriana che tenta un difficile ritorno alla normalità dopo anni di combattimenti. Le macerie cominciano ad essere rimosse e i primi negozi riaprono. Ma le condizioni di vita restano misere

aleppo-10

di Federica Iezzi

Aleppo, 13 gennaio 2017, Nena News – Condivisione di culture e tradizioni, patria di popoli arabi sunniti, sciiti, curdi, turcomanni, alawiti, cristiani assiri e armeni: è questo che ha regalato ad Aleppo un ineguagliabile posto nel Medio Oriente.

Tornata completamente in mano al governo, dopo anni di combattimenti, Aleppo oggi è in un limbo di rovine e speranza. L’aria che si respira è ancora piena di paura e sospetto, ma non si sente più il rumore della guerra.

In 116mila avrebbero lasciato la zona orientale della città dal giorno del cessate il fuoco, mediato da Russia e Turchia. Di questi, 80mila sono sfollati interni ad Aleppo ovest e 36mila hanno raggiunto Idlib. Sono 20mila i civili che attualmente vengono assistiti ad Aleppo Est. Prima dell’inizio del conflitto siriano, la città contava 3,5 milioni di abitanti. In 35mila sarebbero rimasti uccisi durante il conflitto.

L’aspettativa di vita per la popolazione siriana è scesa mediamente di venti anni e la mortalità infantile è aumentata del 10%. Povertà e malnutrizione sono i demoni da combattere ora.

Ma la gente tornata nella zona orientale è pronta a ricominciare. Quando si entra ad Aleppo Est quello che si scorge è che la vita va avanti. E’ previsto un piano di ricostruzione, già partito con la rimozione di detriti e macerie di strutture ed edifici distrutti dai bombardamenti. All’ottimismo si affiancano le difficoltà concrete della quotidianità. Ancora per troppe poche ore al giorno elettricità e acqua potabile sono tornate nei quartieri di Aziziyeh, al-Sha’ar e al-Shakour nell’Aleppo Est.

I negozi sopravvissuti ad anni di saccheggi e i mercati che timidamente riprendono forma e colori, accolgono beni di prima necessità e prodotti alimentari che entrano dalla Turchia, attraverso i valichi di frontiera di Bab al-Salama e Jarabulus, a nord di Aleppo. Le piccole fabbriche sono tornate a produrre prodotti tessili e alimentari, nell’area industriale di al-Arqoub.

Le autorità municipali di Aleppo sono riuscite a riparare in parte 17 scuole nei quartieri orientali della città, distrutti dai combattimenti tra esercito governativo e jihadisti. E un totale di 3.825 studenti hanno ripreso gli studi. Cinque centri medici e due ospedali riprenderanno in tempi brevi un normale funzionamento. Nena News

Nena News Agency “FOTOREPORTAGE. Dentro l’Aleppo della tregua” di Federica Iezzi

“Dentro l’Aleppo della tregua” di Federica Iezzi

Standard

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...